L’osteoartrosi nei cani anziani

Come negli esseri umani, l’osteoartrosi è la forma più comune di artrite riconosciuta in tutte le specie veterinarie. Una condizione lentamente progressiva, l’osteoartrosi è caratterizzata da due principali processi patologici:
1) la degenerazione dell’articolazione cartilagine con perdita sia di proteoglicano che di collagene.
2) proliferazione di nuovo tessuto osseo.

Inoltre, vi è una risposta infiammatoria variabile di basso grado all’interno della membrana sinoviale [1]. Le stime attuali della prevalenza di artrite nei cani anziani e geriatrici variano dal 20% al 25%. La prevalenza dell’osteoartrite nei gatti adulti è del 33%, con una prevalenza nei gatti anziani che sale al 90%[2]. Gli obiettivi del trattamento per l’osteoartrosi sono molteplici: ridurre il dolore, diminuire i segni clinici, rallentare la progressione della malattia, promuovere la riparazione dei tessuti danneggiati e migliorare la qualità della vita.

L’identificazione e la gestione della malattia è della massima importanza per la gestione degli animali. I segni clinici possono includere rigidità, affaticamento, zoppia, dolore, difficoltà nel trasferimento da una posizione all’altra e incapacità di svolgere attività quotidiane come saltare sul divano o salire le scale. Può influenzare la qualità della vita di un cane, e in casi gravi possono causare aggressività, anoressia e incapacità di deambulare.

Le terapie non invasive volte a migliorare i sintomi dell’osteoartrite comprendono in genere il controllo / la perdita di peso, la riabilitazione e l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) insieme ad altri prodotti farmaceutici.

Recenti ricerche su modalità e supplementi nutrizionali mirati a modificare la malattia stanno guadagnando consensi come parte di un approccio multimodale. Uno di questi trattamenti per l’osteoartrosi è l’applicazione ai tessuti articolari e periarticolari, della terapia PEMF (Pulsed ElectroMagnetic Fields) o magnetoterapia, sulla quale sono tutt’ora in corso studi per approfondirne l’efficacia.
Nel 2013 è stato pubblicato uno studio clinico randomizzato e controllato che ha valutato l’efficacia della terapia del segnale pulsato, che è l’applicazione della PEMF, nei cani con osteoartrite, come misurato dai punteggi Severity e Interference del CINE Brief Pain Inventory (CBPI)[3]. I risultati hanno mostrato che il gruppo di studio ha ottenuto risultati significativamente migliori rispetto al controllo.
Nel 2009 è stata effettuata una meta-analisi di studi randomizzati controllati per determinare l’efficacia della PEMF nella gestione dell’osteoartrosi del ginocchio negli esseri umani. Ha concluso che la PEMF ha migliorato la funzione e i punteggi clinici in pazienti con osteoartrosi del ginocchio e dovrebbero essere considerati in combinazione con altri trattamenti nella gestione del loro processo patologico[4].
La teoria dietro i meccanismi degli effetti della PEMF sul dolore osteoartrosico risiede negli effetti anabolici che la PEMF ha sulla proliferazione degli osteoblasti e dei condrociti, che produce effetti curativi a livello cellulare[5] migliorando la rigenerazione della cartilagine articolare[6].
Il dolore nell’osteoartrosi è percepito dal paziente dalla stimolazione delle fibre nervose mielinizzate e non mielinizzate dell’articolazione e dei tessuti circostanti dell’articolazione (capsula articolare, legamenti, sinovia)[7]. Inoltre, la sensibilizzazione centrale, che è una ipereccitabilità dei neuroni nel sistema nervoso centrale associata a condizioni di dolore cronico, provoca cambiamenti nel cervello responsabili della percezione del dolore del paziente, della cognizione e della funzione sensomotoria[8].

Bibliografia

  1. Anandacoomarasamy A, Caterson I, Sambrook P, et al. (2008) The impact of obesity on the musculoskeletal system. Int J Obes (Lond) 32:211–222
  2. Lascelles BD and Robertson SA (2010) DJD‐associated pain in cats: what can we do to promote patient comfort? J Feline Med Surg 12:200–212
  3. O’Sullivan M, Gordon‐Evans WJ, Knap KE, and Evans RB (2013) Randomized, controlled clinical trial evaluating the efficacy of pulsed signal therapy in dogs with osteoarthritis. Vet Surg 42:250–254.
  4. Vavken, P. Arrich, F. Schuhfried, O, et al. (2009) Effectiveness of pulsed electromagnetic field therapy in the management of osteoarthritis of the knee: A meta‐analysis of randomized controlled trials. J Rehabil Med 41:406–411.
  5. Diniz P, Soejima K, and Ito G (2002) Nitric oxide mediates the effects of pulsed electromagnetic field stimulation on the osteoblast proliferation and differentiation. Nitric Oxide 7(1):18–23.
  6. Ciombor DM, Aaron RK, Wang S, and Simon B (2003) Modification of osteoarthritis by pulsed electromagnetic field – a morphological study. Osteoarthritis Cartilage 11:455–462.
  7. Felson DT (2005) The sources of pain in knee osteoarthritis. Curr Opin Rheumatol 17:624–628.
  8. Imamura M, Imamura ST, Kaziyama HH, et al. (2008) Impact of nervous system hyperalgesia on pain, disability, and quality of life in patients with knee osteoarthritis: a controlled analysis. Arthritis Rheum 59:1424–1431.