Tens in veterinaria

TENS è l’acronimo di Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation. Questa tecnica, nata sul finire degli anni ’70, ha rappresentato un notevole salto qualitativo nel campo della terapia antalgica.
Le correnti analgesiche sono indicate nel trattamento sintomatico del dolore periferico. Risultano particolarmente efficaci nella gestione del dolore che accompagna la maggior parte dei processi infiammatori e nell’osteoartrosi.

Questa è una modalità evidente e ampiamente utilizzata nella gestione del dolore umano.
In linea di principio, uno stimolatore è utilizzato per fornire una stimolazione di basso livello (sensoriale, submotoria) ai nervi periferici con l’intento primario di aumentare l’attività nel sistema oppioide del SNC o incoraggiare la chiusura del gate del dolore a livello del midollo spinale. L’efficacia della TENS varia con il dolore clinico da trattare, ma la ricerca suggerisce che, se usato correttamente, la TENS fornisce un sollievo dal dolore significativamente maggiore rispetto al placebo. Esiste un’ampia base di ricerca per la TENS in contesti clinici e di laboratorio[1] [2].
Nella pratica terapeutica, la maggior parte dei professionisti considera la TENS come un’opzione di trattamento in circostanze in cui un paziente soffre di dolore cronico. Questo non è un problema in quanto vi sono prove a supporto di questa modalità di applicazione[3]. Esiste tuttavia un significativo e crescente numero di prove che supportano l’uso della TENS come intervento valido ed efficace in condizioni di dolore acuto[4]. L’intensità, deve essere sufficientemente potente da poter far passare una corrente attraverso i tessuti per depolarizzare i nervi sensitivi per essere efficace. L’attuale milliamperaggio erogato si basa sulla risposta animale alla stimolazione piuttosto che su un livello specifico (numerico).

La stimolazione crea impulsi discreti di energia elettrica e la velocità di erogazione di questi impulsi (frequenza o frequenza del polso) sarà normalmente variabile da circa 1 o 2 impulsi al secondo (Hz) fino a 100 Hz.
Oltre alla velocità di stimolazione, la durata (o larghezza) di ciascun impulso può essere variata da circa 40 a 250 microsecondi (μsec). Prove recenti suggeriscono che questo è probabilmente un controllo meno importante dell’intensità o della frequenza.

Gli elettrostimolatori con un’uscita a doppio canale, cioè con due coppie di elettrodi che possono essere utilizzate contemporaneamente offrono un netto vantaggio. Il tipo di stimolazione erogato dall’unità TENS ha lo scopo di eccitare (stimolare) i nervi sensoriali e, così facendo, attivare specifici meccanismi naturali di sollievo dal dolore.
Per praticità, si considerano  due principali meccanismi di sollievo dal dolore che possono essere attivati ​​

  1. Il meccanismo del gate-control
  2. Il sistema oppioide endogeno 

Il sollievo dal dolore attraverso il meccanismo del gate control porta all’attivazione (eccitazione) delle fibre beta A e così facendo, riduce la trasmissione dello stimolo nocivo dalle fibre c, attraverso il midollo spinale e quindi verso i centri superiori.
Le fibre A beta rispondono preferenzialmente alla stimolazione ad un ritmo relativamente alto (nell’intervallo 80-130 Hz).
In alternativa, la stimolazione delle fibre delta A, che rispondono preferenzialmente a un tasso molto più basso di stimolazione (nell’ordine di 2-5 Hz, sebbene alcuni autori considerino un intervallo più ampio di 2-10 Hz), attiverà i meccanismi oppioidi e fornirà sollievo dal dolore causando il rilascio di un oppiaceo endogeno (encefalina) nel midollo spinale che ridurrà l’attivazione delle vie sensoriali nocive.
C’è un’opzione per stimolare entrambi i tipi di nervi allo stesso tempo impiegando la stimolazione in modalità burst. In questo caso, l’uscita di stimolazione a frequenza più elevata (tipicamente a circa 100 Hz) viene interrotto alla velocità di circa 2- 3 raffiche al secondo. Quando la macchina è accesa, erogherà impulsi alla frequenza di 100Hz, attivando così le fibre beta A e il meccanismo del gate, ma in virtù della velocità del burst, ogni burst produrrà eccitazione nelle fibre delta A, quindi stimolante i meccanismi oppioidi. Questo tipo di stimolazione TENS può determinare una quantità variabile di contrazioni muscolari e, sebbene sia efficace, può essere meno tollerata rispetto alle opzioni di frequenza più elevata (antidolorifico) o a frequenza più bassa (oppiaceo).

Con la stimolazione a frequenza più alta, il significativo sollievo dal dolore si ottiene durante il periodo di stimolazione, in quanto il suo effetto è limitato. La stimolazione a bassa frequenza ha un effetto più lungo, e quindi è più comunemente impiegata con periodi di stimolazione (tipicamente da 30 minuti a 1 ora) ad intervalli di 2-3 ore.
Il problema dell’intensità di stimolazione è la principale differenza tra i metodi di intervento umano e animale. Nel caso umano, la stimolazione viene aumentata fino a quando si avverte una sensazione definita.

Nella terapia basata veterinaria, la stessa macchina, lo stesso sistema di elettrodi e gli stessi parametri di stimolazione sono efficaci, ma chiaramente questo feedback sensoriale è meno facile da gestire. Il professionista può palpare sull’area dell’elettrodo mentre la stimolazione viene aumentata con attenzione. Ciò consente al professionista di rilevare un insieme di stimoli, che può essere sentito attraverso la superficie dell’elettrodo o una leggera risposta motoria. Se una risposta motoria viene rilevate, l’intensità della stimolazione viene ridotta. Anche se questo può sembrare un modo molto soggettivo per determinare la dose di trattamento, è sia efficace che gestibile dal medico.

In termini di posizionamento degli elettrodi, mentre ci sono molte opzioni, l’opzione più semplice è quella di posizionarle su entrambi i lati del tessuto doloroso. Non importa se sono orientati prossimali-distali o mediali-laterali (o qualsiasi altra combinazione), a patto che siano effettivamente entrambi i lati dell’area in questione. L’alternativa più ovvia al posizionamento dell’elettrodo locale consiste nell’applicare gli elettrodi TENS direttamente sul relativo nervo periferico che fornisce l’area interessata, prossimale al sito del dolore (cioè tra la fonte del dolore e il midollo spinale) o sulla relativa radice nervosa spinale. In quest’ultimo caso, gli elettrodi sono posizionati lateralmente alla colonna vertebrale (paravertebrale) per un effetto ottimale.
Gli elettrodi più comunemente usati nella pratica corrente sono pregellati e autoadesivi.
In alcune circostanze di terapia veterinaria, potrebbe essere necessario impiegare un gel aggiuntivo e/o usare del nastro adesivo per garantire che gli elettrodi rimangano dove sono posizionati. Alcuni operatori preferiscono radere la pelliccia, che è perfettamente accettabile con il consenso del proprietario. Questo ha più a che fare con l’adesione dell’elettrodo che con la maggiore trasmissività della corrente. Il gel aggiuntivo, applicato sul rivestimento prima dell’applicazione degli elettrodi pregellati standard, ottiene lo stesso effetto. Alcuni operatori semplicemente bagnano il pelo nella posizione dell’elettrodo.
Ulteriori informazioni (specifiche per gli animali) possono essere trovate in alcune revisioni[5]


Bibliografia:

[1] Johnson, M.I. 2014, Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation (TENS): research to support clinical practice. Oxford University Press, Oxford

[2] Sluka, K.A., Bjordal, J.M., Marchand, S., Rakel, B.A. 2013,What makes transcutaneous electrical nerve stimulation work? Making sense of the mixed results in the clinical literature. Phys.Ther. 93(10): 1397–1402.

[3] Vance, C.G.,Dailey,D. L., Rakel, B.A., Sluka, K.A. 2014,Using TENS for pain control: the state of the evidence. Pain Manag. 4(3): 197–209.

[4] Simpson, P.M., Fouche, P.F., Thomas, R.E., Bendall, J.C. 2014, Transcutaneous electrical nerve stimulation for relieving acute pain in the prehospital setting: a systematic review and meta-analysis of randomized-controlled trials. Eur. J. Emerg. Med. 21(1): 10–17.

[5] Levine, D., Bockstahler, B. 2014, Electrical stimulation. In: Millis, D., Levine, D. (eds), Canine Rehabilitation and PhysicalTherapy, 2nd edn. Elsevier/Saunders, Cambridge, pp. 342–358